Give something that everyone will love:
HIGH-QUALITY, SUSTAINABLE AND 100% PLANT-BASED
from small Italian excellent farmers.

.in evidence

1153512

Free shipping from 49€

Order at +39 351 577 0816

boniviri---logo
bonivirilogo-bianco
bonivirilogo-bianco
italian-b-corp-logo-white-rgb
schermata 2022-02-21 alle 12.06.24

BONIVIRI benefit company

limited liability

info@boniviri.com

Via Etnea 29, Catania

+39 351 577 0816

BONIVIRI benefit company

limited liability

info@boniviri.com

Via Etnea 29, Catania

+39 351 577 0816

emre-gencer-irvq6avvgde-unsplash

With Boniviri, eating well means creating value.

With the Boniviri project, those who produce and those who consume consciously choose to preserve the values of the territory, local heritage and protect the environment.

With Boniviri, eating well means creating value.

With the Boniviri project, those who produce and those who consume consciously choose to preserve the values of the territory, local heritage and protect the environment.

L'Oleoteca

logo-satispay-red-230x230
logo-satispay-red-230x230

facebook
instagram

facebook
instagram
mastercardhrzrev300px2x
ppcom-white1
ppcom-white1
mastercardhrzrev300px2x

“L’essenziale è la cifra del nostro progetto”

2023-02-21 19:21

Davide Tammaro

Boniviri Storie, storie, ristorazione, semplicità, alta cucina, guida michelin, essenziale,

“L’essenziale è la cifra del nostro progetto”

Aperitivo con Marco e Sandra, Chef e partner del ristorante Stefenelli Desk, un progetto di alta cucina nel cuore di Aosta.

Aperitivo con Marco e Sandra, Chef e partner del ristorante Stefenelli Desk, un progetto di alta cucina nel cuore di Aosta che esalta con rigore (tedesco) e creatività le migliori materie prime del territorio.

 

Mezzanotte e dodici, una stazione deserta e un Paese sconosciuto. In mano un indirizzo sbiadito e il vuoto scavato da un lutto, di quelli che neppure lo spaziotempo più dilatato riesce a colmare. Inizia così il viaggio nella ristorazione di Marco Stefenelli, Chef e proprietario del ristorante Stefenelli Desk.

 

Avevo appena perso papà. In quei momenti cadi bambino e ti rialzi improvvisamente adulto”.

Quando Marco si rialza e sale sul treno diretto a Bonn, in Germania, ha solo sedici anni e il bagaglio carico di voglia di ricominciare.

Avevo appena terminato l’alberghiero, non avevo un soldo e non conoscevo una parola di tedesco. Ogni giorno, sotto qualsiasi cielo, dovevo fare tre chilometri a piedi per andare al ristorante e tre a tornare”. L’inizio è difficile, ma Marco è un talento e si fa strada presto.

Alla fine degli anni ‘90 l’alta cucina tedesca era molto innovativa - più ancora di quella italiana - così sono cresciuto in fretta acquisendo la tecnica, la precisione e il rigore tipici della cultura tedesca”.

Arrivano le prime grandi soddisfazioni. Marco cucina per i nomi più importanti della scena politica internazionale: Premi Nobel per la Pace come Willy Brandt e Yāsser ʿArafāt e uomini di stato come Elmut Kohle, che frequentava il ristorante accompagno dal suo delfino e futuro leader della Germania, Angela Merkel.

stefanelli-2.png

credits: manufatto

 

Passano gli anni e Marco avverte il bisogno sempre più urgente di tornare nella sua cittadina di origine, Cogne, gemma incastonata tra le rocce del Parco del Gran Paradiso. Da un intreccio di coincidenze nasce l’opportunità di aprire il suo primo ristorante. Non ci pensa due volte, apre ed è subito un successo. Gli affari vanno a gonfie vele, ma la clientela è turistica e lui sente di non potersi esprimersi pienamente. Dopo una nuova parentesi tedesca, arriva un’altra opportunità. È quella giusta, ad Aosta: nasce “Stefenelli Desk”. Con Sandra, che è partner nella vita oltre che nel lavoro. Qui Marco può sviluppare fino in fondo la sua idea di cucina che ottiene in poco tempo riconoscimenti importanti: prima il Cappello su Espresso, poi la Forchetta su Gambero Rosso e, nel 2023, quello più prestigioso: la segnalazione nella guida Michelin. 

stefanelli-3.png

credits: manufatto

 

Intanto ci raggiunge Sandra, accompagnata da un sorriso caldo e da un vino, la sua passione più grande.

“Dai vini, all’accoglienza, all’amministrazione, Sandra si assicura che tutto funzioni alla perfezione. Senza di lei non sarei nessuno”, dice Marco mentre l’avvolge con il suo sguardo timido e carico di amore profondo.

“La mia cucina è schietta, sincera, senza fronzoli. Pochi ingredienti, selezionati con estrema cura e abbinati con passione”. “Così vogliamo che sia anche l’accoglienza – aggiunge Sandra: genuina, vera, non ruffiana”. Il brusio festoso delle bollicine si acquieta e chiedo a entrambi come vedono il futuro della ristorazione.

“Siamo convinti che la cucina tornerà all’essenziale. Ecco, l’essenziale è la cifra del nostro progetto”.

whatsapp-image-2023-02-22-at-17.11.25.jpeg

credits: manufatto

 

Arrivano i primi clienti e dobbiamo salutarci. Un sole già primaverile scalda gli antichi ciottoli di Via d’Avise, dove si trova il ristorante. Non è un caso, forse, se questo vicoletto nascosto nel cuore romano della città è intitolato a un'antica famiglia nobiliare locale originaria della Germania, i D’Avise. Cogne-Bonn, Stefenelli Desk-Via D’Avise. Curiose e inaspettate sono le traiettorie che il destino disegna per noi, penso, mentre leggo su Wikipedia il motto di questa antica casata: "Qui tost Avise tard se repent", "chi crede subito a qualcosa, è destinato a pentirsi". Non credere, comprendere. Andare fino in fondo, non farsi ingannare dai fronzoli, cercare l’essenza delle cose. Per parlare al cuore. Lì dove arriva, dritta e schietta, la storia (e la cucina) di Marco e Sandra.

 

 

OUR BLOG

Latest Articles

elsa-tornabene-b9izigwptli-unsplash1

Subscribe to our Newsletter

Stay up to date on all Boniviri news and products