1153512

Available in the shop extra virgin olive oil harvested in 2021/22. Shipping from 5.90 €, free from 75 € in Italy

boniviri---logo
bonivirilogo-bianco
bonivirilogo-bianco

CONTACTS

CONTACTS

BONIVIRI

MENU

BONIVIRI

MENU

BONIVIRI società benefit a responsabilità limitata

info@boniviri.com

Via Etnea 29, Catania

​+39 351 577 0816

BONIVIRI società benefit a responsabilità limitata

info@boniviri.com

Via Etnea 29, Catania

​+39 351 577 0816

With Boniviri, eating well means creating value.

With the Boniviri project, those who produce and those who consume consciously choose to preserve the values of the territory, local assets and protect the environment.

With Boniviri, eating well means creating value.

With the Boniviri project, those who produce and those who consume consciously choose to preserve the values of the territory, local assets and protect the environment.

emre-gencer-irvq6avvgde-unsplash

L'Oleoteca


facebook
instagram

facebook
instagram
logo-satispay-red-230x230
logo-satispay-red-230x230
americanexpress1
mastercardhrzrev300px2x
mastercardhrzrev300px2x
ppcom-white1
ppcom-white1
americanexpress1

www.boniviri.com @ All Right Reserved 2020 | Website created by Flazio Experience

www.boniviri.com @ All Right Reserved 2020 | Website created by Flazio Experience

Natale ECO-responsabile, buone pratiche per ridurre l'impatto delle feste sul pianeta

2021-12-03 10:02

La redazione Boniviri

natale eco, natale ecologico, idee regalo natale green, natale green, idee regalo solidali,

Natale ECO-responsabile, buone pratiche per ridurre l'impatto delle feste sul pianeta

Parola d'ordine: eco-doni. Quest'anno i regali sono scelti per il loro impatto ambientale e sociale. Ma si può fare di più.

box-gorumet-e-sostenibili-(2).jpeg

A partire dagli eco-doni fino alla tavola. Quest'anno i regali sono scelti per il loro impatto ambientale e sociale. Ma si può fare di più.

Natale è alle porte, le premure per acquistare il regalo perfetto per le persone più care ormai sono quotidiane.

La previsione del giro d'affari di quest'anno per il periodo delle festività ammonta attorno ai 6 miliardi di euro: negozi, strade e centri commerciali nelle prossime giornate brulicheranno di persone alla ricerca della sorpresa da mettere sotto l'albero.

 

L'attenzione alla sostenibilità quest'anno ha orientato molte scelte di acquisto: dai prodotti di eccellenza locale a km 0, agli oggetti di utilizzo quotidiano realizzati con materiali e pratiche ecologiche ed etiche, fino all'usato. 

 

Secondo Adnkronos, "il Natale 2021 degli italiani vede al centro anche la tendenza all’acquisto di seconda mano: il 30% degli utenti dichiara acquistare prodotti second hand, in particolare per l’abbigliamento (oltre il 60%), ma anche per i mobili ed oggetti decorativi (57%) e per articoli di lusso (41%), e il 40% dice di farlo per motivi legati all’ecologia, secondo solo al fattore di convenienza economica. Per il 90% degli intervistati, infatti, l’impegno e l’attenzione delle marche in un approccio eco-sostenibile sono elementi di fondamentale importanza." 

 

La ricerca e la preferenza al regalo etico, solidale e sostenibile ha dato una grande svolta all'acquisto convulsivo, poco trasparente e superficiale che, nell'ultimo ventennio, ha prevaricato sulle nostre abitudini festive. Adesso di sostenibilità si parla anche a tavola, dalla scelta degli alimenti fino agli accorgimenti post pranzo.

 

Ecco qualche suggerimento per festeggiare un Natale riducendo al minimo gli sprechi.

 

1. Menù biologici o piatti climatariani

Mangiare ciò che inquina poco. È il New York Times a utilizzare, per la prima volta, il termine “climatariana/o”, o meglio “Climatarian“. I climatariani, coloro che tramite la propria alimentazione contribuiscono alla lotta contro il cambiamento climatico e cercano di ridurre l’impatto ambientale. Verdura e frutta rigorosamente di stagione, eliminare il più possibile la carne e prediligere i prodotti locali, coltivati per bene, a km 0. I prodotti Boniviri, come olio evo, mandorle, miele, spezie e capperi posso essere considerati alimenti strategici per questo stile di vita, grazie agli obiettivi ambientali e sociali che il progetto e protocollo Boniviri propone.

 

2. Decorazioni natalizie eco-friendly

Per gli amanti del simbolo del Natale per eccellenza, consigliamo di addobbare un albero nostrano. L'originalità è garantita: immaginate di illuminare e decorare un albero di arance, da piantare a fine feste in giardino. O per chi non disponesse di uno spazio esterno, un Araucaria heterophylla (assomiglia molto ad un abete!) potrebbe fare al caso vostro. Cresce in casa e non ha bisogno di particolari cure.

 

Se amate davvero tanto l'abete e viene difficile rinunciarvi, accertatevi che sia certificato e raccolto in maniera sostenibile. Alla fine del periodo natalizio va seguito, piantato e assistito regolarmente per tutto l’anno. Decorazioni fatte a mano, naturali o con il riciclo creativo lo rendereanno unico e a impatto ridotto.

 

Gli alberi artificiali non sono banditi. Se si usa un albero finto per molti anni, preferibilmente già comprato di seconda mano e di buona qualità, può essere più sostenibile di un albero vero.

Ma i numeri sono alti, ci vogliono almeno 8 anni per pareggiare la carbon footprint della produzione di un albero finto! Purtroppo in media un albero artificiale viene usato solo per 4 anni. E il riciclo non è facile!

 

3. No al monouso e alle porzioni eccessive

Oramai i prodotti monouso in plastica sono stati vietati o comunque il loro utilizzo è stato disincentivato grazie alle normative dell'UE sulla regolamentazione delle stoviglie monouso. Al loro posto si sono fatti spazio i piatti e i bicchieri in materiale compostabile, come PLA o mater-bi. Anche se il loro ciclo di vita è ridotto, una buona pratica sarebbe evitarne comunque l'utilizzo, quando è possibile. Infatti la loro produzione richiede comunque molte risorse energetiche, dal reperimento della materia prima fino alle macchine industriali che la realizzano.

 

Preparare una dettagliata lista della spesa inoltre può aiutare ad evitare lo spreco alimentare. Dosare le quantità rispetto agli ospiti, pesare tutti gli ingredienti sono ottime pratiche per un Natale zero sprechi. Cucinare gli avanzi del giorno prima e dare nuova vita al cibo in eccesso, che è sempre un'ottima scusa per un'altra cena con amici e parenti.

 

4. Spostamenti con mezzi pubblici o in bici

Prediligere gli spostamenti a piedi, in bici o con mezzi pubblici per andare dai propri cari, o anche per fare i regali. Inoltre un po' di movimento non guasta mai in questo periodo!

 

5. Evitare la carta regalo

Secondo il WWF Il nostro Paese produce 4 milioni di tonnellate di rifiuti, di cui l’80% proviene dall’industria degli imballaggi, e ogni anno riversa in natura 0,5 milioni di tonnellate di rifiuti plastici.
Il packaging dei tuoi prodotti sono già abbastanza impattanti sull'ambiente, aggiungere altri imballi decorativi che servono solo per pochi secondi non è necessario.

 

Con questi piccoli, ma importanti gesti e attenzioni possiamo da subito fare una grande differenza per la tutela del nostro pianeta, e rendere il nostro Natale ancora più buono, e green!

OUR BLOG

Latest Articles

elsa-tornabene-b9izigwptli-unsplash1

Subscribe to our Newsletter

Stay up to date on all Boniviri news and products

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder