With Boniviri, eating well means creating value.

With the Boniviri project, those who produce and those who consume consciously choose to preserve the values of the territory, local assets and protect the environment.

boniviri---logo
bonivirilogo-bianco
bonivirilogo-bianco

CONTACTS

MENU

MENU

BONIVIRI

CONTACTS

BONIVIRI

BONIVIRI società benefit a responsabilità limitata

info@boniviri.com

Via Etnea 29, Catania

​+39 351 577 0816

With Boniviri, eating well means creating value.

With the Boniviri project, those who produce and those who consume consciously choose to preserve the values of the territory, local assets and protect the environment.

emre-gencer-irvq6avvgde-unsplash

L'Oleoteca


facebook
instagram

facebook
instagram
1153512
mastercardhrzrev300px2x
1153512
mastercardhrzrev300px2x

www.boniviri.com @ All Right Reserved 2020 | Website created by Flazio Experience

www.boniviri.com @ All Right Reserved 2020 | Website created by Flazio Experience

americanexpress1
logo-satispay-red-230x230
logo-satispay-red-230x230
ppcom-white1
ppcom-white1

L’ Apis Mellifera Sicula, una volta a rischio d’estinzione, oggi presidio Slow Food

2021-04-01 23:09

Anna Sipione

L’ Apis Mellifera Sicula, una volta a rischio d’estinzione, oggi presidio Slow Food

Produttrice di mieli invernali rari, l'ape nera è eccellenza siciliana   Non è vero che tutte le api sono gialle e nere. Esistono api scure, grigie o

 

 

 

Produttrice di mieli invernali rari, l'ape nera è eccellenza siciliana

 

 

Non è vero che tutte le api sono gialle e nere. Esistono api scure, grigie o anche nerissime, proprio in Italia, simili morfologicamente alle api nere africane ma meno aggressive di quest’ultime. 

1549698405401878138065791796209231000292638n-1617311338.jpg

La storia dell’Ape nera sicula

Nata e sviluppatasi in Sicilia fino agli anni ‘70, l’Ape nera sicula fu poi abbandonata dagli apicoltori locali che preferirono importare dal nord le api ligustiche (l’ape per antonomasia), oramai ritenute lo standard in tutta Italia per la produzione del miele. A causa di ciò, l’Apis Mellifera Sicula rischiò l'estinzione, fino a quando Pietro Gendoso, entomologo e docente dell'Università di Palermo, la studiò e trasferì la passione per questa varietà di api a un suo studente, Carlo Amodeo. Se ancora oggi l’Ape Nera Sicula è presente nell’Isola, lo si deve esclusivamente all’interesse di questi ultimi. Gli stessi operarono installando prima alveari solo sull’isola di Ustica, successivamente a Filicudi, Alicudi e Vulcano, in modo che l’insetto potesse mantenere la purezza genetica.

 

Caratteristiche morfologiche

Presenta le ali più piccole rispetto alle altre specie, resiste bene alle temperature estreme, caratteristica dovuta a centinaia di anni di acclimatazione in una terra così calda e apparentemente ostile. A differenza delle altre, queste api riescono quindi a produrre miele sia in inverno (è famosa per la produzione di mieli invernali rari come quelli di Carrubo, Nespolo e Mandorlo), sia in estate a più di 40 °C, temperatura limite per le altre varietà. A differenza delle comuni api a cui siamo abituati, l’Apis Mellifera Sicula è molto docile, tanto che gli apicoltori non ricorrono all’ausilio di maschere nelle operazioni di smielatura.

 

Caratteristiche organolettiche del miele:

Il miele d’ape nera ha proprietà davvero sorprendenti. Contiene antiossidanti in quantità fino a dieci volte superiori rispetto al normale, 13 sostanze antibatteriche e quattro antifungine. Un vero e proprio rigenerante e ricostituente naturale con proprietà curative e terapeutiche. Inoltre, la grande biodiversità della flora siciliana consente la bottinatura e conseguente produzione di più di venti tipi di miele monoflora.

 

Presidio Slow Food

Il Presidio è stato avviato con Carlo Amodeo nel 2008 per sollecitare l’attenzione e lanciare un allarme circa il rischio di estinzione di questa razza autoctona. Negli anni successivi altri apicoltori si sono interessati a questa razza e oggi il Presidio è composto da otto allevatori che hanno recuperato le regine di questa specie, da Carlo Amodeo. Un grande successo è stato l'avvio del “Progetto di reintroduzione e di conservazione della sottospecie a rischio di estinzione Apis mellifera sicialiana”, avvenuto nel gennaio 2012, grazie al finanziamento della Regione Sicilia e seguito dal CRA-API di Bologna (il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, Unità di ricerca di Apicoltura) in collaborazione con l'Università di Catania e di Palermo, l'Istituto Zooprofilattico della Sicilia, la Soat di Collesano, Apicoltura Amodeo e Slow Food.

Il progetto prevede la ricerca di nuove linee genetiche, indispensabili per combattere il problema più grave di questa razza (la consanguineità), l'istituzione di stazioni di fecondazione in luoghi isolati sull'isola, poiché i costi per la conservazione sulle isole minori sono troppo elevati e scoraggiano gli apicoltori e la valutazione delle prestazioni della nera sicula a paragone con la ligustica.

 

Ci si auspica che questa preziosissima specie autoctona possa proliferare per ripopolare il territorio delle isole meridionali.

 

Foto di az. Agricola Percia Quartari, Sodeste Italia, Claudio Meli

OUR BLOG

Latest Articles

elsa-tornabene-b9izigwptli-unsplash1

Subscribe to our Newsletter

Stay up to date on all Boniviri news and products

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder